mercoledì 8 gennaio 2014

Il principato di Seborga e gli antichi strumenti musicali

Come ogni anno in questo periodo mi sono regalata qualche giorno di vacanza in Liguria, per sfuggire al freddo inverno padano e staccare un po' la spina.
La mia destinazione era, come lo scorso anno, Sanremo e ovviamente l'entroterra ligure, ricco di borghi medievali e di splendidi paesaggi tra terra e mare.




Proprio a pochi km da Sanremo si trova il piccolo centro di Seborga, arrampicato su uno sperone di roccia e affacciato sul mare ligure e sulla costa azzurra.
Da qui, quando le giornate sono serene e limpide si vedono le isole di Porquerolles e di Hyères!
Il borgo è caratteristico ligure con carruggi e viottoli stretti e tortuosi circondati da case in pietra e mattoni di antico respiro che conducono al cuore della cittadina ossia la piazza principale  che ospita la bella chiesa di San Martino dai colori pastello e dalle ricche decorazioni.
Ma la caratteristica principale di Seborga è di essersi costituita come principato: a partire dagli anni 50 del secolo scorso infatti un gruppo di cittadini ha disconosciuto l'annessione del comune al Regno d'Italia ed alla Repubblica in virtù di una presunta autonomia di derivazione medievale.
L'autoproclamata indipendenza di Seborga si concretizza nell'elezione del Principe e nel conio della moneta locale, il Luigino, spendibile nelle botteghe del borgo.





Una visita al principato di Seborga è d'obbligo non solo per la bellezza del borgo e per la spettacolare vista sul mare ma anche per ammirare una collezione di raro valore e unica nel suo genere, quella degli strumenti musicali antichi del signor Giliano Fogliarino.


La sua collezione, in via della Zecca al n°2, vanta antichi strumenti musicali di varie epoche e stili a  partire dal 1744 fino agli anni '60 del secolo scorso e conta più di 135 strumenti tra cui violini, carillon, balalaiche e favolosi gramofoni per adulti e per bambini.
Tutti gli strumenti sono perfettamente funzionanti e se chiedere al signor Giuliano, spesso presente in loco, sarà contento di farvi ascoltare la loro voce e raccontarvi la loro storia.
Tra i pezzi più pregiati un monografo del 1900 e un gramofono per bambini del 1930 con dischi ricoperti di cioccolato.
Raccolta in circa 50 anni di accurante ricerche in Italia e in Francia, la raccolta è stata donata al Comune di Seborga dal signor Fogliarino nel 2008 per fare mostra di sè a turisti, curiosi ed appassionati.
Anche la raccolta vale davvero il viaggio fino a Seborga!

Nessun commento:

Posta un commento